Archivio news 10/10/2019

UFFICIALE: RAFFAELE MIGNOGNA È UN NUOVO CALCIATORE DEL REAL KONOKAL!

Tutte le info di una trattativa lampo che ha del clamoroso.

RAFFAELE MIGNOGNA: "TRATTATIVA NATA PER SCHERZO. DISPIACE PER I GLADIATORI E PER SILVANO, MA NON POTEVO STARE FERMO UN ANNO. IL MIO OBIETTIVO? VINCERE, CONVINCERE E TOCCARE I 100 GOAL. DARÒ TUTTO ME STESSO PER QUESTA MAGLIA. LA CONCORRENZA SPIETATA? LA SQUADRA È FORTE, ABBIAMO RISPETTO DI TUTTI, MA PAURA DI NESSUNO.."

 

RAFFAELE MIGNOGNA, 22 ANNI (PAOLO IORIO PH)

 

"Si attendeva soltanto l'ufficialità che è appena arrivata. Raffaele Mignogna è un nuovo calciatore del Real Konokal. Ma com'è nata questa trattativa?"

"Sì, è vero e sono contentissimo di essere un nuovo membro del Real Konokal. La trattativa è nata quasi per gioco, capitan Pignatiello mi chiamò al cellulare e mi chiese disponibilità, abbiamo scherzato, mi veniva da ridere ed erano appena nati dei problemi con i Gladiatori, così il giorno dopo, toccato da quella allettante proposta, ho accettato."

"Hai spinto il tasto della prossima domanda. Cosa è successo ai Gladiatori, una società così gloriosa che non si è iscritta al campionato?"

"Attendevo questa domanda perché voglio chiarire bene il discorso della nostra non iscrizione a questo campionato. Dopo le ultime vittorie, molti elementi in squadra avevano la cosiddetta "pancia piena". Non avendo più stimoli, hanno preferito navigare verso nuovi orizzonti, abbandonando il presidente Gino Silvano che ha dato il cuore per tutti. Rispetto la scelta dei ragazzi, ma non la condivido: hanno sbagliato nei suoi confronti e lui non fidandosi più, ha deciso di prendersi un anno sabbatico."

"Una brutta macchia nell'illustre palmarès dei Gladiatori. Dopo lo sfogo e la conseguente trattativa con il Real Konokal, quali sono gli obiettivi di quello che è uno dei bomber più prolifici della storia del LAE SOCCER?"

"Il primo obiettivo, che è anche quello più importante, è quello di provare a vincere con il Real Konokal, facendo divertire ed esaltare anche il presidente che ringrazio per avermi voluto qui. Il secondo obiettivo è mio personale ed è quello di raggiungere quota 100 goal, ne mancano ancora 16 al grande traguardo..."

"Alla prima la squadra ha steccato nell'infuocato derby contro La Capannina pur trovandosi in vantaggio di due reti. È mancato quel carisma, quella determinazione che solo un calciatore come te possiede. Cosa senti di poter dare a questa squadra?"

"Non penso sia stato io il tassello che è mancato in quella gara, voglio ricordare che hanno giocato contro i campioni in carica ed hanno perso con un solo gol di scarto. Ciò vuol dire che siamo già una squadra forte, magari abbiamo pagato un pò di inesperienza essendo una squadra molto giovane.
Riguardo il cosa sento di poter dare a questa squadra, ti dico che darò sicuramente il 100% di me stesso e cercherò di portarli più in alto possibile."

Il livello è aumentato a dismisura quest'anno. Chi pensi possa essere una delle pretendenti al titolo e chi temi di più in campionato La Capannina, Real Kalangiò oppure la DBE Battery?"

"La parola temere, nel calcio come nella vita, non mi appartiene e non fa parte del mio vocabolario. Noi siamo giovani, forti ed abbiamo fame, non siamo da sottovalutare. Sicuramente sono tutte squadre da tener d'occhio, soprattutto La Capannina, ma ripeto, rispetto per tutti e paura di nessuno."

 

FONTE : ANTONIO COCCHIO (UFFICIO STAMPA LAE SOCCER)